UCDA15: l’evento

Quello di martedì 22 settembre scorso non è stato semplicemente un evento, ma la celebrazione del cashmere umbro e della sperimentazione, sempre viva, sulle tecniche di tintura naturale e sostenibile.

Nello spazio ADI di via Bramante a Milano (un edificio post-industriale che sarà ristrutturato come nuova sede del Museo del Compasso d’Oro), che durante il periodo di Expo ospita le iniziative di Umbria Experience, è stata la cornice perfetta di “Luxe of Botanical Dyed Cashmere”.

L’allestimento della sala era a cura di Cariaggi (nostro sponsor), Tintoria Ferrini e Ilana Efrati, che hanno saputo mettere in mostra le possibilità delle tinture vegetali sui filati in cashmere.

Carriaggi, con il suo spazio espositivo, ci dimostra come le tinture naturali siano tutt’altro che inferiori o più leggere rispetto a quelle industriali: colori vividi e accesi, accompagnati dalla storia di questi metodi e il recupero che l’azienda marchigiana sta attuando con la linea Systema Naturae, fin dal 2006.

Gli 8 pull tinti ed esposti per l’occasione da Tintoria Ferrini ne sono un’altra, vivida, dimostrazione: le parti non edibili (e dunque di scarto) di carciofo, noce, scotano, melograno, olivo, peperone, guado e robbia si sono dimostrati degli ottimi coloranti sulla lana che, tramite procedure in continua evoluzione, è diventata azzurra, beige, rosa, gialla… sempre con una sfumatura naturale.

La designer Ilana Efrati, poi, ci ha portato con sé a passeggiare in un bosco umbro nel corso delle 4 stagioni, attraverso i 4 arazzi in lana cashmere e seta, decorati con tecnica jacquard e l’uso di foglie, bacche, fiori e frutti trovati nella macchia mediterranea e indossabili come sciarpe e stole (come lei stessa ha dimostrato in prima persona).

Infine, ma non meno importanti, i progetti vincitori di UCDA15, ad opera degli studenti del Central Saint Martins College di Londra: Heera Singh, Kitty Garratt e Aled Own.

I giovani designer, ispirati da un viaggio di studio a Firenze, hanno portato con sé i loro bozzetti, esponendoli sulla passerella di UCDA15 insieme alle ultime creazioni di Wilson PK, vincitore della prima edizione di Umbria Cashmere District Award e a Milano in veste di orgoglioso accompagnatore.

La cerimonia di premiazione è stata anche una sorta di passaggio del testimone dalle mani di Paola Ferrini, Ilana Efrati e Diego Maria Tasselli, in quelle dei ragazzi della Central Saint Martins, incoraggiati da un discorso di Ilana Efrati che li ha spronati ad essere sempre originali e innamorati del proprio lavoro.

I ragazzi svolgeranno uno stage nelle aziende del distretto umbro nel 2016, per mettere a frutto ciò che hanno imparato nei loro studi e trasformare in realtà le idee creative che hanno in mente.

La serata si è conclusa con un cocktail a tema, creato appositamente dallo chef Giancarlo Polito su ispirazione della tessiture del cashmere: piatti soffici al palato, adagiati su fiocchi di cashmere, saporiti e “di lusso” grazie al sapiente mix tra ingredienti umbri (tartufo e olio nuovo) e internazionali (topinambur) per sottolineare l’intento di internazionalizzazione che questo premio ha sempre avuto.

Non ci resta che ringraziare tutti gli intervenuti e augurare un enorme in bocca al lupo ai designer del futuro!

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook per il reportage fotografico completo e le interviste video!

Clicca qui per la gallery fotografica

Qui il video dell’evento

UCDA15: THE EVENT

The happening of last tuesday September 22 was not just an event, but the celebration of Umbrian cashmere and of the continuing sperimentation on natural and sustainable dyeing techniques.

In the ADI space of via Bramante, in Milan, (a post-industrial building that is going to be restored as the new seat of the Compasso d’Oro Museum), which during Expo is hosting the events of Umbria Experience, was the perfect setting for “Luxe of Botanical Dyed Cashmere”.

The hall was staged by Cariaggi (our sponsor), Tintoria Ferrini and Ilana Efrati, who have been able to show the possibilities of vegetal dyes on cashmere yarns.

Cariaggi, with its exhibit, showed us how natural dyes are anything but softer or lighter than the industrial ones: vivid and sparkling colors, accompanied by the history of these methods and their recovery by the Marche company with the Systema Naturae project, since 2006.

The 8 pulls dyed and showed for the occasion by Tintoria Ferrini are another, vivid, demonstration: the non-edible (and, therefore, waste) parts of artichoke, nut, smoketree, pomegranate, olive, pepper, woad and madder showed to be excellent pigments on wool which became blue, beige, pink, yellow…always with a natural shade.

Designer Ilana Efrati, then, took us to a walk in the Umbrian woods, along the 4 seasons, through her 4 cashmere and silk tapestries, decorated with jacquard technique using leaves, berries, flowers and fruits found in the Mediterranean woods. The tapestries can also be worn as scarves and stoles, as Efrati showed herself during the event.

Finally, but not less important, the winning projects of UCDA15, by Central Saint Martins students: Heera Singh, Kitty Garratt and Aled Own.

The young designers brought their sketches (inspired by a study trip to Florence) on UCDA15’s catwalk alongside the last collection of Wilson PK, winner of the first edition of Umbria Cashmere District Award and in Milan as their proud chaperon.

The awarding ceremony was also a sort of “passage of the baton” from the hands of Paola Ferrini, Ilana Efrati and Diego Maria Tasselli to those of Central Saint Martins’ students, encouraged by Ilana Efrati’s speech to keep their originality and remain in love with their work.

The students will have the chance of an internship in the Umbria cashmere district companies in 2016, to practice what they’ve studied so far and realize all the creative ideas they have in mind.

The evening ended with a theme cocktail, especially created by chef Giancarlo Polito, inspired by cashmere texture. Soft  cashmere flocks sustained tasty and “luxury” dishes, with Umbrian (truffle and olive oil) and international (topinambur) ingredients to underline the internationalization purposes this award has always had.

We’d like to thank everyone who worked and took part in UCDA and wish a very good luck to the future designers!

Follow us on Facebook for the complete photo reportage and video interviews!

Clic here for the photo gallery

Here the event video